Covid-19 : Riparti in sicurezza, sanifica gli ambienti della tua azienda

Esportare negli USA: tutto ciò che vi serve sapere

Home NewsEsportare negli USA: tutto ciò che vi serve sapere
02 febbraio 2021

Esportare negli USA: tutto ciò che vi serve sapere

Vuoi esportare i tuoi prodotti negli USA? È possibile, ma non senza conoscere tutti i passaggi da seguire per farlo in maniera sicura per voi e per la vostra merce.

Specialmente a partire dal Bioterrorism Act del 2002 e il Food Safety Modernization Act del 2011, le modalità di esportazione verso gli Stati Uniti sono diventate una pratica piuttosto insidiosa, anche per le aziende provviste di una certificazione volontaria.

Quali sono adesso i passi da seguire?

  1. La prima cosa da fare è registrarsi sul sito dell’FDA (la Food and Drug Administration), l’ente governativo statunitense responsabile della protezione della salute pubblica che si occupa anche di garantire la sicurezza degli alimenti.
  2. Dovrete quindi identificare e nominare il vostro USA agent: la persona, il partner commerciale, l’azienda o l’associazione con residenza/sede in USA che gestirà la comunicazione urgente tra l’FDA e la vostra
    azienda.
  3. In azienda dovrete identificare il PCQI (Preventive Control Qualified Individual) che dovrà aver seguito un corso specifico, approvato dalla Food Safety Preventive Control Alliance (FSPCA) o dimostrare di avere competenze equivalenti.
  4. Il PCQI aziendale sarà responsabile della preparazione del Food Safety Plan e del Food Defence Plan. Questi documenti differiscono dal manuale dell’autocontrollo e della qualità richiesti in Europa, dal momento che l’approccio di valutazione dei rischi parte principalmente dalle misure preventive.
  5. Last but not least, l’etichettatura del vostro prodotto: dal momento che le regole in materia sono molto complesse, affidarsi ad un esperto a volte è la soluzione migliore.
  6. Quando sarà tutto pronto, prima dell’invio, dovrete comunicare tramite la “prior notice” il carico all’FDA.

A fronte di obblighi federali validi per tutti, esistono poi richieste specifiche per i diversi Stati: per alcuni prodotti, oltre alle richieste dell’FDA , possono esistere fino a 50 norme differenti.

Cosa si rischia se non ci si adegua a questa nuova modalità?

Prima di tutto le vostre importazioni verrebbero bloccate: la merce verrebbe trattenuta alla dogana o, se già presente sul mercato statunitense, sarebbe sottoposta a ritiro/richiamo.

Inoltre, rischio ancor maggiore, il Governo Federale potrebbe intentare una causa civile: un’eventualità per nulla remota considerando i sempre più frequenti controlli dell’FDA. In questi casi, l’azienda rischierebbe di essere inserita nella black list con blocco della vendita negli USA fino al completamento delle pratiche.

Ma tutti questi punti non sono un ostacolo con un partner come Bioleader: grazie ai nostri esperti potremo accompagnarvi in tutto il percorso svolgendo tutte le analisi necessarie per esportare i vostri prodotti in USA.