Covid-19 : Riparti in sicurezza, sanifica gli ambienti della tua azienda

Salmonella, contagio e trasmissione. Quali sono le regole per la sicurezza nei processi di produzione?

Home NewsSalmonella, contagio e trasmissione. Quali sono le regole per la sicurezza nei processi di produzione?
04 dicembre 2020

Salmonella, contagio e trasmissione. Quali sono le regole per la sicurezza nei processi di produzione?

Bioleader, laboratorio di analisi specializzato nella sicurezza alimentare e nei controlli analitici per numerosi settori, fornisce un metodo rapido con risultato sicuro in 36 ore per la ricerca della Salmonella.

In materia di sicurezza alimentare, uno dei “microrganismi” più insidiosi e comuni da isolare è la Salmonella. Questo batterio è responsabile di una delle infezioni gastrointestinali più comuni: la salmonellosi.

Il batterio si trasmette tramite gli alimenti per via oro-fecale e non è raro trovarla nelle materie prime crude come uova, carne, latte non pastorizzato, prodotti ortofrutticoli non lavati, ecc. La gravità dei sintomi causati dalla Salmonella può variare sia a causa del ceppo del batterio sia per le caratteristiche del soggetto colpito e può provocare da dei semplici disturbi del tratto gastrointestinale, fino a forme cliniche più gravi soprattutto nella fascia di popolazione più fragile come bambini, anziani o soggetti immunodepressi.

Oltre che sulle materie prime, la Salmonella può trasferirsi sulle superfici di manipolazione degli alimenti, persistendo a lungo su di esse. In questo modo, può anche contaminare l’alimento in preparazione.

Per evitare che questo accada, soprattutto nei processi industriali di preparazione e manipolazione delle materie prime, oltre ad un’attenta prevenzione in fase di produzione, è importante per le industrie alimentari verificare l’assenza del microrganismo. Inoltre, il regolamento europeo 2073/2004 e s.m.i. richiede per molti prodotti immessi sul mercato l’assenza della Salmonella e il produttore ne ha la responsabilità legale.

Generalmente, i metodi di analisi microbiologici classici posso essere lunghi, talvolta passano anche 5-6 giorni dalla produzione del prodotto prima di avere la certezza che ci sia un esito negativo di assenza del batterio.

Bioleader, laboratorio di analisi specializzato nella sicurezza alimentare e nei controlli analitici per numerosi settori, è accreditata per la ricerca della Salmonella e offre ai suoi clienti un metodo di analisi rapido grazie alla tecnica molecolare: il PCR (reazione a catena della polimerasi). Questa tecnica particolarmente rapida consente di rilevare la presenza del DNA del microrganismo e, in caso di negatività del campione, di fornire il risultato sicuro anche entro 36 ore dal campionamento.